Via Palestro, 30 - 26100 CREMONA • Tel. 0372 531175/0372 21757 - Fax 0372 222 649 • C. F. 80004700193
Cod. Mecc. crpm02000e • email crpm02000e@istruzione.it - pec: crpm02000e@pec.istruzione.it

"Legalità e antimafia" - Conferenza con Franco La Torre

"Legalità e antimafia utilizzo dei beni confiscati"

Si è svolto il 30/11 presso la sala conferenze del Centro Pastorale di Cremona un convegno organizzato da Flc CGIL e Spi CGIL di Cremona.

Hanno partecipato all'incontro le classi 5^AES, 5^ALSU, 5^BBIO, 5^DBIO, 5^CCOM, 5^EBIO, 4^AES e 4^CLSU del nostro liceo accompagnate dai docenti in orario. Un ringraziamento particolare alla prof.ssa Donata Ardigò (Scienze Umane e Filosofia) che ha permesso la realizzazione di questo importante momento formativo in preparazione dell'Esame di Stato in merito alle tematiche di "Cittadinanza e Costituzione".

Di seguito il report dei lavori e degli interveventi dei relatori:

Merida Madeo dello Spi regionale ha raccontato della necessità del passaggio di testimone generazionale perché la lotta alla mafia non ha età e tutti devono essere coinvolti, dai giovani agli adulti, con l'obiettivo di diventare protagonisti della società civile.

Il mondo della scuola e il ruolo dell'educazione, secondo Alessandro Rapetti della Flc Nazionale, sono fondamentali per cambiare la società e difendere la democrazia e un mondo del lavoro che non rinunci ai diritti.

Il Sindaco di Cremona Gianluca Galimberti ha ricordato l'emozione dell'epoca delle stragi mafiose, il dolore all'arrivo della notizia delle morti di Peppino Impastato, Pio La Torre, poi Falcone e Borsellino. Continuiamo ad emozionarci per tenere alta la dignità morale.

Vincenzo Moriello della CGIL Lombardia ha raccontato l'evoluzione del fenomeno mafioso e ndranghetista nel nostro paese, nel nostro territorio e le infiltrazioni nel nord, perché di mafia illegalità corruzione economia grigia bisogna parlarne sempre nelle scuole nel mondo del lavoro in famiglia.

Elena Simeti ha raccontato la sua esperienza presso la "Libera Masseria" di Cisliano (MI) bene confiscato alla mafia e il lavoro di tanti giovani ragazzi e studenti che l'hanno ricostruita, cosa che le varie istituzioni non sono riuscite a fare, perché i beni confiscati alle mafie sono bene di tutti.

Franco La Torre figlio di Pio La Torre ha, con semplicità e commozione, raccontato la sua vita e la vita di suo padre e spiegato il suo concetto di antimafia sociale.

Ha moderato il dibattito il giornalista Simone Bacchetta di "Cremona1 Tv" e de "Il Fatto Quotidiano".

L'ultimo momento dell'incontro ha visto protagonisti i nostri alunni che hanno posto alcune domande ai relatori ed in particolare a Franco La Torre, ne è scaturito un dibattito che ha coinvolto attivamente tutta la platea.

Questo percorso formativo si svilupperà in seguito con la visita delle nostre classi a Cisliano, un comune di 5.000 abitanti dell'hinterland milanese, dove si trova la "MASSERIA" confiscata alla mafia e restituita alla cittadinanza grazie all'opera dell'associazione "Libera" e della "Caritas" con all'aiuto di tanti ragazzi volontari provenienti da tutta Italia.

 

 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.