Via Palestro, 30 - 26100 CREMONA • Tel. 0372 531175/0372 21757 - Fax 0372 222 649 • C. F. 80004700193
Cod. Mecc. crpm02000e • email crpm02000e@istruzione.it - pec: crpm02000e@pec.istruzione.it

Convegno "Mai più nell'ombra. Vittime di mafia"

Si è svolto il 20 Dicembre presso la SALA PUERARI del Museo CIVICO di Cremona il convegno: “Mai più nell’ombra. Vittime di mafia, dalla conoscenza all’intervento psicologico” organizzato dal nostro liceo. L'incontro è stato ideato per presentare l'omonimo libro scritto dal prof. Antonino Giorgi con lo scopo di promuovere, all'interno dei percorsi di "CITTADINANZA e COSTITUZIONE", una riflessione in merito alle tematiche di contrasto alla criminalità organizzata al fine di costruire una memoria collettiva in ricordo delle vittime di mafia. L'incontro è stato moderato dal nostro Dirigente prof. Flavio Arpini, che ha ribadito a più riprese, insieme all'assessore del comune di Cremona, Luca Burgazzi come il nostro istituto, ma anche la scuola in generale, si spendono in rete con le istituzioni e le università per sviluppare una cultura collettiva sulle tematiche della legalità che coinvolga non sono gli studenti ma la cittadinanza intera. Il prof. Antonino Giorgi, Psicologo Psicoterapeuta, e Professore presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università Cattolica di Brescia, ha preso spunto dalla sua ultima opera, che vanta la prefazione di Nando Dalla Chiesa, per squarciare il velo d'ombra dietro il quale si nascondono le organizzazioni criminali ed in particolare quella più potente, la 'ndrangheta calabrese. Con un linguaggio forte ed incisivo, arricchito da aneddoti personali, il prof. Giorgi ha coinvolto la folta platea di docenti e studenti delle nostre classi quarte e quinte spiegando anche quanto sia difficile sostenere, dal punto di vista terapeutico, le vittime di questi soprusi. Il dott. Luigi Guarisco, Referente regionale di "Libera, nomi e numeri contro le mafie", prendendo spunti da alcuni passi del testo di Giorgi, ha parlato del ruolo che l'associazione riveste sul territorio nazionale per sviluppare una memoria delle vittime ed un impegno nelle generazioni future per contrastare, soprattutto dal punto di vista culturale, ogni forma di criminalità. Molto interessante anche l'intervento del dott. Luca Lubini, Responsabile Servizio Sicurezza Urbana Comune di Brescia, che ha illustrato i profondi legami tra le organizzazioni criminali ed il territorio bresciano dal punto di vista delle attività lecite ed illecite che servono per riciclare il denaro proveniente dai proventi del traffico di stupefacenti e dall'usura.

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.